Feeds:
Posts
Comments

Archive for June, 2009

Thank-you.

Grazie michael, da "Don't stop till you get enough" in poi. E alla storia della pedofilia non ci ho mai creduto.

(e grazie quincy)

Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Jamming

Incredibilmente, il governo (?) Iraniano riesce ancora a disturbare (fare jamming) al segnale satellitare del canale "BBC PERSIAN".

Per qualche giorno la BBC aveva sospeso le trasmissioni di quel canale – indirizzato all pubblico iraniano –  sul "nostro" satellite (hot bird) con un cartello esplicativo, ieri pero' aveveno ripreso e tutto andava bene, finche',….
Proprio come ai tempi della guerra fredda, allora erano le onde corte, oggi gli  uplink satellitari…

Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Il Gatto.

Trovato oggi tra le cose dell'appartamento dei miei, in una busta inserita in una scatola.  

Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Ho sempre pensato che la storia dei due aerei che facevano il giro del mondo, uno in una direzione ed una  in quella opposta, fosse una invenzione di mio padre, raccontatami per far restare a bocca aperta un bambino di dieci anni.


Invece era vera, e non posso neppure escludere che ci avesse viaggiato anche lui in prima persona. 


June 17, 1947: Pan Am Launches ’Round-the-World Service

constellation

1947: Pan American World Airways begins the first regularly scheduled around-the-world passenger service.

Pan Am, already an innovator in passenger aviation, was the undisputed doyenne of American carriers when it began this unique worldwide service. Flight 001, originating in San Francisco, winged westward over the Pacific Ocean. A passenger boarding 001 at San Francisco Municipal Airport (it didn’t become San Francisco International until 1955) and making the entire journey would touch down in Honolulu, Hong Kong, Bangkok, Delhi, Beirut, Istanbul, Frankfurt, London and finally New York.

Eastbound Flight 002, originating in New York, hit the same cities in the opposite direction, ending up in San Francisco.

An economy-class ticket for the entire journey in either direction cost $2,300, or $4,000 for a couple. (That’s about $22,000 and $38,000, respectively in today’s moolah.)

The beauty of the service was that it really could be a journey: You could disembark anywhere along the route and remain there for as long as you desired (provided that the entire trip was completed within a 180-day window), then resume your passage when the flight came through again. If you chose to remain on board without disembarking, the entire westbound flight took about 48 hours.

Pan Am, already renowned for opulent passenger accommodations dating from its China Clipper days, configured its globe-trotting Lockheed Constellations for maximum passenger comfort. Today’s utilitarian 747s and A300s are way bigger and way faster, but they’re flying cattle cars compared to the luxuries enjoyed by mid-century sojourners. Of course, those people were journeying, and not merely traveling.

Although Pan Am continued to blaze trails in the airline industry — it was the first airline to add the Boeing 747 to its fleet— by the 1970s it found its unassailable position being chipped at by various competitors, including TWA, Braniff and United. The 1973 Arab oil embargo was another heavy blow to the industry, and Pan Am — already tottering a bit — was hit especially har

Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Read Full Post »

This year spend your money elsewhere, and do not come to visit Como, Italy.


Not because this old Cedro (cedar tree) … 

…has been cut in the early morning for "aesthetical reasons" — (this is how the place looks today:


Not because this was accomplished at 4.30 in the morning, to avoid citizens to see, and protest.

But because the mayor of this city, mr. Bruni , a ratzinger-oriented catholic, has declared that the protests against cutting the tree are way ouf of proportion, "stronger then for the state murder of Eluana" ("l'assassinio di stato di Eluana").

I do not want to talk about it now, enough has been said in the past

But we should not accept that  somebody calls "murder" that decision. 

Maybe the mayour has never look in the eyes somebody that asks to terminate his own life, to avoid further soffering.

Unfortunately,  this will happen to him, too, someday. And he will probably – if not changing his mind – at least avoid such words.

For the time being, avoid spending your life in this city where rulers do not respect nature, life, and our right to die.



Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Perche' non scegliere EUROVITA (e non seguire i consigli della Banca Popolare di Lodi, o BIPIELLE) ? 

Nel mio caso e' andata cosi': nel 2005 avevo due soldi (nel vero senso della parola meno di tremila euro) che volevo tenere "da parte" per evenienze varie. Spiegato bene il concetto alla Banca cosa mi propongono dunque ? (facendo nomi, Banca Popolare di Lodi, attuale Banco Popolare, filiale di Caronno Pertusella VA, non ricordo il nome del ragazzo che faceva da consulente per gli investimenti ma vedo di recuperarlo a breve).

Una bella "polizza VITA" di "Eurovita". Detto fatto.

Eccoci ad aprile di quest'anno, alla scadenza. Arriva una lettera che dice che le banche islandesi….le Banche Islandesi ??

Si, la polizza era un prodotto finanziario (il che e' ovvio, visto che io volevo preservare il capitale, non assicurarmi), ma di tipo "Index Linked", il cui sottostante era un tal prodotto "Bipielle Aphrodite II" basato un opzione e un'obbligazione della LANDSBANKI ISLAND HF, e da questa stessa garantita.

Che cavolo mi e' servito dare dunque una commissione a Banca Popolare di Lodi ed Eurovita ? Potevo comprare questi bond direttamente, credo. Ah, gia' ho pagato la loro consulenza.

In ogni caso la banca e' fallita, e'  stata nazionalizzata e i soldi…non si vedono. Probabilmente non si vedranno piu' (vedi argentina). Ho passato la cosa a Federconsumatori, vedremo.  


La cosa interessante e' questa: "Eurovita" ha nella sua home page, (guardare in basso nella foto), una nota per, rispettivamente:

– I suoi prodotti basati su prodotti Leheman Brothers (prodotti "Gioacchino Murat" e "Ettore Fieramosca")

– I suoi prodotti basati su prodotti delle banche Islandesi

 
Nel primo caso l'Assicurazione si e' assicurata di rassicurare i suoi clienti con questa bella frase:


Le prestazioni in corso di contratto e a scadenza di tali polizze sono garantite esclusivamente 

da Lehman Brothers


Giusto.

Nel secondo caso l'Assocurazione si e' assicurata di rassicurare i suoi clienti con questa bella frase:

Alla data di scadenza dei suddetti prodotti, il capitale investito da parte 

dell'investitore-contraente, che ha assunto il rischio di investimento – 

connesso tra l'altro alla solvibilità dell'ente emittente gli strumenti 

finanziari sottostanti il prodotto stesso (…)


A titolo di curiosita', ecco una foto del faldone con tutti i fascicolo "Lehman":

…ci sono circa 60 pratiche, sui circa 5000 comaschi che hanno investito in questo modo i loro risparmi. Si stima che circa 4800 non si siano neppure dati la pena di provare una via legale, gia' rassegnati ad aver perso tutto.




Read and post comments

|

Send to a friend

Read Full Post »

Older Posts »