Feeds:
Posts
Comments

Archive for December, 2007

Ieri è finalmente emersa la vera origine della mia mania per l'audio Stereo (come ricorderà chi segue off-air) e le immagini Stereoscopiche (come ricorderà chi ha letto il post su Nightmare before christmas).


Semplice: e' una faccenda ereditaria.

Infatti, appunto ieri ho (ri)scoperto che l'albm di matrimonio dei miei e' stato ripreso in 3d, e per guardarlo occorre il ViewMaster! :

Funzionava cosi': la tridimensionalità è data dalla visione, su ciascu occhio, di un'immagine leggermente diversa dall'altra. Per scattare queste fotografie era necessaria una macchina a due obbiettivi, che come noterete e' STEREO:

, e per vederle, una bizzaro stereo-proiettore, lo stereo-matic 500


oppure, come nel nostro caso, il View-Master vero e proprio: la meraviglia e' assicurata!



Read and post comments

|

Send to a friend

Advertisements

Read Full Post »

Riposa in Pace.

Oggi, 25 dicembre 2007 annunciamo la morte prematura di Amorgos.


Lo avevamo trovato, abbandonato davanti alla palestra, mentre miagolava disperato.

Portato dal veterinario e vaccinato, ha passato due notti con me (una nella mia maglietta), per poi essere accudito in palestra ed infine trovare una Casa non lontano.

Nella casa c'era anche un cagnone, subito suo amico: mangiavano nella stessa ciotola.

E un'incomprensione, proprio durante un pasto condiviso, ha fatto si che il cane gli desse una zampata un po troppo forte.

Dopo, e' andato a prenderlo, a leccarlo e a portarlo alla sua padrona, nella speranza che lo potesse rianimare.

Ma alla morte non c'e' rimedio: anche chi e' nato il 25 dicembre dell'anno zero non e' piu' tornato, e lo stanno ancora aspettando.

Ciao Amorgos. Grazie di avermi scaldato, quella notte.

Read and post comments |
Send to a friend

Read Full Post »

Natale 2007

Ed eccoci al Natale, che arriva alla fine di un anno veramente rimarcabile, anzi unico.

Credo che Vox abbia raccontato tutto, e resti a testimonianza (per noi tutti in realtà) di immagini, pensieri e sensazioni che diversamente sarebbero andate perdute.

Ecco perche' e' il caso di condividere questa cosa, che riguarda proprio questo periodo..

Finalmente, dopo tanti anni, da questo natale potro' riprendere a gustare splendida musica con queste nuove casse..

che ci ritrasmettono la musica selezionata per me da dal piu' bel regalo che mi potesse giungere, e che e' giunto finalmente  grazie a Vox…

catturato al volo, mentre era intenta a catturare le immagini del mondo per tutti noi..

Auguri a tutti…
Auguri a Te.

Read and post comments

Read Full Post »

La vita puo’…

Read Full Post »

Ieri sera, dieci anni e 7 mesi dall'apertura della Cattedrale (Multiplex Arcadia di Melzo), e' stato inaugurato il nuovo multiplex arcadia di Bellinzago Lombardo.


Si tratta di una struttura inserita (come ormai d'obbligo) in un centro commerciale, in questo caso un palazzo veramente imponente perso nella campagna lombarda.


Arrivando tardi abbiamo perso la "vistia guidata", ma abbiamo potuto gustare tutto il "cocktail-dinner", 


per poi recarci in sala…boh! non ho visto se hanno un nome … nella sala dove si proiettava, in anteprima (di circa un mese!) il film "American Gangster" per la regia di Ridley Scott.

Prima della proiezione, piccola cerimonia di taglio del nastro a cura di …massimo Boldi 

Come film si poteva scegliere tra "Bee movie" e "American Gangster". Quest'ultima proiezione prevedeva di passare ad un check-in con guardie armate dotate di auricolari, che imbustavano senza pietà telefoni e macchine fotografiche (e perfino "lettori MP3", forse non volevano che uno ascoltasse musica duranta la proiezione!).

A me pero' un telefono e' rimasto erroneamente in tasca, cosi' ho potuto fotografare il discorso di Rutelli..


e la famiglia Fumagalli




(i primi quattro sulla sinistra) al cui padre dobbiamo ormai da dieci anni la gioia fanciullesca di vedere i film in un locale da sogno che, immancabilmente, ci ha trasportati per qualche ora in un'altra dimensione.

Per la tranquillità di tutti, diro' che poi non ho piu' tirato fuori l'ultimo telefono: e' infatti ovvio che chi fa 150 km per vedere un film in Arcadia sia proprio lo stesso tipo di persona che lo guarda copiato di straforo, su dvx ipercompresso o su telefonino, dunque era importante non rischiare la tentazione.

Non abbiamo purtroppo recuperato la cartella stampa, per cui non ho i dettagli tecnici dell'impianto (stive (del forum proiezionisti) potra' illuminmarci!), pero' e' recalamizzato all'esterno come cinema "3D" per cui direi che c'e' almeno qualche proiettore digitale 2k, oltre al solito audio THX eccellente e agli schermi giganti nel corretto formato scope.

Quest'anno, dunque, potremo rendere omaggio al Cinema, recandoci la notte del 25 dicembre come di regola alla Cattedrale, scegliendo tra Melzo e Bellinzago: Grazie Piero!

(riporto a titolo di curiosità tutti i film il 70mm  ("nello splendore dei settantamillimetri") proiettati in questi anni:


Below please find 70mm special screenings which were all national premieres.

Further in 70mm reading:

Internet link:

Multiplex Arcadia
Via Martiri della Libertà, 5
20066 MELZO
Milan
Italy

Contact:

Laura Fumagalli

(P): 39-02-954164.21
(F): 39-02-954164.49

www.multiplexarcadia.it 

70mm films at Arcadia

Hamlet 6/1997
Tomorrow Never Dies 1/1998
Armageddon 9/1998
2001 A Space Odyssey 3/2001

 
 
 
 
70mm films at Cinema Centrale

The Sand Pebbles
Blade Runner
Alien
Aliens 
Total Recall
Die Hard 2
Last Emperor 
Beauty and the Beast 
Far and Away 
Little Buddha 
The Sheltering Sky 
The Doors
The Rose
Pink Floyd The Wall
The Abyss 
Intolerance 
Lawrence of Arabia 
Dances with wolves
Dick Tracy

Read and post comments |
Send to a friend

Read Full Post »

Riporto questo punto di vista sulla faccenda camionisti che trovo particolarmente interessante.



(….)E’ la classe politica che addita al pubblico obbrobrio i lavoratori autonomi come responsabili, in quanto evasori di questa o quella imposta, del dissesto delle nostre finanze pubbliche e non ha mai detto una sola parola contro una casta burocratica che di quel dissesto, e del relativo mostruoso debito pubblico, è la principale responsabile dato che rende la nostra spesa pubblica enorme e incomprimibile e sequestra la maggior parte delle nostre risorse finanziarie, impedendo un serio ridimensionamento del debito pubblico e sputtanandoci anche a livello internazionale, per pagare stipendi inutili a passacarte inutili. Al contrario, per bocca del Ministro Padoa Schioppa, questa classe ha recentemente negato che vi siano molti fannulloni tra i nostri burocrati, chiudendo perentoriamente la scomoda discussione con le parole: “Dei fannulloni, si è parlato fin troppo”. Infine, è la classe politica che, mentre trova normalissimo che una turba di cosiddette guardie forestali calabre (in realtà non di rado complici dei piromani) blocchino per giorni i collegamenti ferroviari col Mezzogiorno o che il personale sindacalizzato degli aeroporti lasci i passeggeri a bivaccare giornate e nottate intere aggrappati ai loro bagagli, improvvisamente trova “intgollerabili” le proteste dei tassisti o dei camionisti da essa stessa provocate e non esita a minacciare e ad arrestare gli scioperanti, mentre i suoi strapagati e stragarantiti pennivendoli dei giornali e delle TV di regime chiamano sprezzantemente “padroncini” i camionisti (che stanno al volante dei Tir anche 12 ore al giorno per quattro soldi e passano 4 notti nel gelo per farsi sentire) e gli altri lavoratori autonomi più bistrattati.

Già, perché mentre prodigava le sue energie per difendere la burocrazia e i suoi privilegi, questa classe politica statalista, che ha proprio nel Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi (sviscerato ammiratore di Fidel Castro) un esponente emblematico, lasciava marcire per anni le richieste dei tassisti e dei camionisti, portandoli a concludere che solo la protesta selvaggia poteva costringere i politici statalisti locali e centrali ad ascoltarli. E, difatti, così è stato per i tassisti e così è stato per i camionisti, dato che la classe politica statalista, abituata da sempre a vivere col culo in caldo, non ha la minima idea della tremenda capacità di lotta e sacrificio che può esplodere in un gruppo di lavoratori indipendenti umiliati nei loro elementari diritti. 

Ma questa vicenda dei camionisti, se da un lato conferma la validità sempre più inconfutabile della Teoria liberale della lotta di classe, dall’altra ci dimostra anche che la scarsa coscienza di classe dei lavoratori autonomi, ostacolando lo sviluppo di una loro volontà unitaria di lotta e di un’organizzazione capace di gestire le tensioni e le trattative prima che giungano alla fase esplosiva, approda spesso all’isolamento della categoria sfruttata all’interno stesso dei Popolo dei Produttori del privato. Così in questi giorni si è vista la protesta dei camionisti suscitare comprensibilmente l’esasperazione degli altri lavoratori dipendenti e indipendenti del settore privato e l’invocazione di provvedimenti repressivi. Insomma, come i polli di Renzo, i lavoratori del privato rischiano di litigare e beccarsi tra loro mentre la razza padrona (cioè gli alti burocrati e i politici statalisti) li tiene, appesi a testa in giù, tutti bloccati nella morsa delle sue mani rapaci.

Read and post comments |
Send to a friend

Read Full Post »

Preparazione

Sembra facile preparare una lezione di Step!



Uno pensa — mi metto li a tavolino, studio i passi, metto a punto le musiche, e via!

e invece no: infiniti problemi, infinite difficoltà rendono l'operazione a volte quasi impossibile!!



Read and post comments

Read Full Post »

Older Posts »